Content Marketing

I Feedback e le Storie – Le altre 2 semplici regole del Content Marketing & Copywriting che funziona

Oggi proseguiamo con le REGOLE FONDAMENTALI DI UN CONTENT MARKETING & COPYWRITING CHE FUNZIONA e passiamo alle successive due regole che, se applicate, ti consentiranno di scrivere e creare contenuti di valore per il tuo pubblico di riferimento.

LA REGOLA DEI FEEDBACK

“Reagisci al comportamento della tua audience”

Cioè impara a mantenere una forma mentis agile e flessibile.
Se ottenere feedback sulla tua attività è alla base di qualsiasi strategia, adattare i tuoi contenuti alle reazioni del tuo pubblico è fondamentale.

Se pensi di partire solo quando avrai un’intera e perfetta strategia in mente, purtroppo stai sbagliando.
Lanciati e analizza i feedback che ricevi. E poi correggi il tiro.
E’ lo stesso concetto guida che accompagna lo sviluppo di una start-up: partire con un prodotto e migliorarlo man mano.

Dovrai testare, sperimentare, osservare ciò che funziona di più con il tuo pubblico.
Non potrai mai sapere cosa funziona e cosa no finché non pubblichi i tuoi contenuti.
La cosa peggiore che potresti fare in questo senso è stare fermo e tenere tutto nella tua testa perché hai paura o perché non sai se quello che stai facendo sia giusto.

Ti svelo un segreto, nessuno lo sa!

“Niente è giusto finché il tuo pubblico non dice che lo è”

Devi adattare i tuoi contenuti ai feedback che ricevi dal tuo pubblico di riferimento: ogni feedback, bello o brutto che sia, ha più valore di tutto quello che tu potresti pensare riguardo al tuo lavoro.

Non puoi adattare i tuoi contenuti al tuo pubblico finché non ricevi un feedback e non puoi ricevere un feedback se non catturi l’attenzione del tuo pubblico con i tuoi contenuti!

La creazione di contenuti è un processo iterativo, cioè formato da una serie di ripetizioni: realizzi un contenuto, lo testi sulla tua Minimum Viable Audience, analizzi i feedback, riparti da capo per migliorarlo. Solo dopo un’attenta revisione e un lungo lavoro di rifinitura potrai mostrare il tuo contenuto ad un pubblico più ampio.

Lo sapevi che i comici sono soliti testare i loro sketch in piccoli club di periferia prima di portarli davanti al grande pubblico?

E’ esattamente ciò che anche tu dovresti fare.

Dietro ad un contenuto “geniale” c’è un enorme lavoro di correzioni e miglioramenti.
Bisogna osservare i feedback e adattare la propria strategia con i necessari accorgimenti.
Ecco perché sarebbe impensabile pianificare una strategia di marketing a lungo termine.

Puoi anche avere in testa la migliore strategia del mondo, ma potrebbe rivelarsi un fallimento se non presti attenzione alle reazioni della tua audience.


LA REGOLA DELLE STORIE

“Racconta la storia che il tuo pubblico vuole ascoltare”

Con questa quarta regola mi riferisco in particolare all’autenticità.
Non intesa come il dover raccontare ogni minuto della tua vita o condividere ciò che hai mangiato a colazione, ma come il saper essere una voce vera, autentica, genuina e coinvolgente.

L’essenza dell’autenticità sta nel saper raccontare la storia che il tuo pubblico, il tuo cliente o cliente potenziale desidera ascoltare. È una storia in sintonia con le persone che intendi raggiungere, con i loro valori e la loro visione del mondo.

È la storia che il tuo pubblico vuole sentire, non quella che tu vuoi raccontare”

Devi conoscere la tua audience meglio di quanto si conoscano loro stessi. E per farlo devi metterti nei loro panni, pensare come loro, reagire come loro.

Quando qualcuno fa una ricerca on line è per risolvere un problema: le persone cercano un viaggio di trasformazione, cioè vogliono passare dalla condizione di avere un problema o un desiderio al non averlo più o al soddisfarlo.

Una storia autentica è proprio ciò che aiuta le persone in questo viaggio di trasformazione ed è la storia che loro raccontano veramente a loro stessi. In questo contesto, i tuoi contenuti agiscono come un mentore che li prende per mano e li accompagna fino al punto di investire nel tuo prodotto o servizio: raccontando loro una storia, li stai accompagnando nel loro percorso di trasformazione e il tuo contenuto sta facilitando ogni gradino di questo percorso.

“La storia che racconti deve suonare vera per le persone che intendi servire, il focus è sempre su di loro”

Ma come fare a capire ciò che le persone desiderano?
È proprio qui che la battaglia del marketing viene vinta o persa.
Devi conoscere ciò che le persone che intendi servire ammirano, ciò che rispettano, ciò a cui aspirano. Ciò che detestano e ciò di cui hanno paura.

La ricerca in questo senso è fondamentale, perché più tempo investi nel capire il tuo pubblico, più la storia che gli racconterai sarà migliore.

In base a quello che desidera il tuo pubblico di riferimento racconterai la tua storia, ed è ok se agli altri non piacerà o la ignoreranno.

Se conosci bene il tuo pubblico, non c’è grande scrittore che ti possa tenere testa”

Servirti della creazione di buyer personas potrebbe esserti molto utile in questo percorso.
Significa definire con la massima precisione possibile il tuo target. Significa sapere a chi stai parlando: il target che definisci non è solo di un insieme confuso di informazioni e statistiche, ma ti parla di persone reali, con interessi, paure, pensieri e sentimenti reali. Per questo è utile immaginarle con un nome e una faccia. Utilizza quindi le buyer personas per rendere concreti dei dati che altrimenti sarebbero difficili da interpretare.

“Il Marketing ha successo quando un numero sufficiente di persone con una visione del mondo simile, confluisce in una maniera tale da permettere ai marketer di raggiungerli ottimizzando i costi” – Seth Godin

La regole dei FEEDBACK e la regola delle STORIE sono 2 regole fondamentali che dovrai padroneggiare nel momento in cui intendi approcciarti alla creazione di contenuti di qualsiasi tipologia, siano essi professionali o personali. Alcuni blogger però sembrano dimenticarlo.

Scrivo un blog personale, perché dovrei preoccuparmi di chi legge?

Se anche tu ti sei fatto questa domanda, puoi comprendere facilmente come il disinteresse per il tuo pubblico sia estremamente in disaccordo con la decisione di aprire un blog. Il blog, per quanto personale che sia, è la tua storia. La storia che hai deciso di scrivere non su un diario nella tua cameretta, ma sul web. Dove la potrebbero potenzialmente leggere milioni di persone. Il solo fatto che tu abbia deciso – o stia valutando – di scrivere un blog ti mette implicitamente a servizio di una audience molto più grande, e questo tu lo sai molto bene. Qualsiasi cosa tu intenda raccontare, deve portare valore a chi ti legge, siano 10, 100 o migliaia di persone.

Se il tuo desiderio è quello di aprire un blog, ma non sai proprio da dove partire, scrivimi e sarò felice di darti una mano per impostare la tua personale strategia di comunicazione.

2 Comments

  • Reply
    hezWRErLDYw
    Aprile 19, 2021 at 6:43 am

    yGKasiIzcqW

  • Reply
    Huey Parkhill
    Aprile 27, 2021 at 9:13 am

    Hi there outstanding website! Does running a blog such as this require a great deal of work?

    I have very little expertise in computer programming however I was
    hoping to start my own blog in the near future. Anyway,
    should you have any ideas or techniques for new blog
    owners please share. I know this is off subject however I
    simply had to ask. Thank you!

Leave a Reply

You Might Also Like