SOCIAL MEDIA Travel Blogging

Travel Blogger, Influencer, Imprenditrice Digitale? – Pensieri e considerazione di un’agente di viaggio del lusso

Travel Blogging

Questa notte, come ormai mi sta capitando spesso, non sono riuscita a dormire.
Tanti i pensieri che si susseguono nella testa, il lavoro, quello retribuito, il blog, instagram, le vacanze, i progetti collaterali da portare avanti. È un bel periodo non fraintendetemi, probabilmente il migliore di questi ultimi due anni. I pensieri sono positivi e c’è una strana eccitazione che mi tiene sveglia, una gran voglia di fare che mi fa spalancare gli occhi già all’alba.
A me l’isolamento da Covid ha fatto bene. Mi ha messo faccia a faccia con me stessa, con le mie insoddisfazioni e le mie ambizioni, mi ha reso più sicura e consapevole di ciò che voglio, mi ha dato grinta, costanza e determinazione, dopo anni a fuggire dalla realtà imbarcandomi sul primo aereo per l’altro capo del mondo, dal 9 marzo 2020 scappare sarebbe diventato impossibile.

L’altra mattina mi sono svegliata con un post di Federica Piersimoni, su Instagram @federchicca, definita da Lonely Planet la pioniera del Travel Bloggin in Italia. Parlava degli aspetti positivi e negativi dell’essere una libera professionista, del coraggio che a 25 ha avuto a mollare il “posto fisso” e di una libertà professionale della quale non potrebbe più fare a meno.
Leggere le sue parole ha scatenato tante reazioni ed emozioni contrastanti dentro di me. Da una parte il mio lavoro, quello che avevo sempre sognato, quello che amo e per cui ho lavorato sodo. Dall’altra, la mia passione, scrivere, insieme al mio più grande desiderio, viaggiare per il mondo.
Due parti fondamentali della mia vita, che stanno diventando sempre più inconciliabili tra loro. Ci provo, ci giro intorno, ma so che prima o poi sarò costretta ad una scelta.
Quella tra un lavoro che gli amici mi invidiano e un sogno che con il passare degli anni diventa sempre più difficile da realizzare. Un lavoro che mi dà tanto e che mi ha regalato gli anni e le esperienze più belle ed entusiasmanti della mia vita, e una voce dentro di me che diventa ogni giorno più forte, che non smette di ripetermi di provarci.
Mi chiedo cosa sia il Travel Blogging nel 2020, se ci sia ancora spazio per me, se esista ancora questa professione o se Federica e i suoi più illustri colleghi siano destinati ad essere gli ultimi validi rappresentanti di questa categoria ormai forse satura di contenuti. Mi faccio mille domande alle quali non so dare una risposta, ma forse una risposta ad oggi ancora non esiste. In questi ultimi anni ho investito molto tempo a costruire il mio account Instagram @beautifullifeclaudia dedicato alle mie esperienze di viaggio in esclusivi hotel di lusso e il mio Luxury Travel Blog, cercando, da professionista del settore del turismo, di dare ai miei contenuti una maggiore credibilità di quella che avrebbe potuto avere una qualsiasi ventenne improvvisatasi Influencer. “Claudia Said” nasce dalla mia voglia di comunicare, stava per “Claudia Ha Detto”, ma chi non mi conosceva ha iniziato a pensare che fosse il mio nome. Poi un giorno un amico mi ha detto che Said in arabo vuol dire “Felice”, allora me lo sono fatto mio, come un segno di buona fortuna.

Ho sempre dato estrema importanza alla formazione professionale, che per quanto mi riguarda considero vitale, ma che in una vetrina mediatica mondiale come Instagram dove tutto procede a mille al minuto spesso risulta superflua. Negli anni ho copiato, a volte ho barato e ho spesso puntato solo su un bel viso, ma sono ormai arrivata alla conclusione che ci siano solo due cose che qui alla fine ripaghino sempre, la costanza e il sincero desiderio di creare una community. Non sono mai stata brava a parlare di me né a farmi conoscere, il mio aspetto e la mia passione per il settore dei viaggi di lusso spesso mi hanno tradita, la mia arroganza non è altro che ambizione, il mio ego è il desiderio di essere ascoltata, di far parte di quel mondo a cui sento di essere vicina ma di non appartenere del tutto.
Voglio viaggiare, voglio scrivere, voglio raccontare il lusso così come io lo vivo e lo percepisco. Voglio condividere quelle sensazioni che mi dà la vista delle luci di una città dal finestrino di un aereo in una suite di First Class, quelle emozioni che provo con un calice di Champagne al tramonto su un rooftop a Manhattan, voglio portarvi con me a nuotare nell’incredibile laguna di Raja Ampat, la più bella al mondo, e farvi percepire l’esclusività di un’intera vacanza a piedi nudi in un elegante resort maldiviano, voglio farvelo assaporare questo lusso, voglio portarvi lì insieme a me, voglio farvelo amare.

Pubblico questo post senza far caso nè all’orario nè alle statistiche, il mio bisogno di comunicare è più forte di tutto il resto. Sono in partenza per la Sardegna, la mia terra del cuore alla quale appartengo a metà. Non sarà lei a darmi le risposte che cerco, so di doverle trovare solo dentro di me.. e chissà se in fondo quelle risposte io già non le abbia.

Travel Blogging

1 Comment

  • Reply
    Marius-Emil Dulgheru
    luglio 30, 2020 at 6:42 pm

    Greetings! Very helpful advice within this article! It’s the little changes that
    make the greatest changes. Many thanks for sharing!

Leave a Reply

You Might Also Like