intelligenza emotiva

Intelligenza Emotiva e ambiente di lavoro – Che tipo di dirigente sei?

Hai mai sentito parlare di Intelligenza Emotiva?

Mi sono avvicinata da qualche tempo a questo tema strettamente connesso alla psicologia e devo dire che ho imparato più cose su me stessa e su come “funziono” in questo ultimo anno che in tutta la mia vita

È un argomento che mi affascina moltissimo – e sono sicura che affascinerebbe anche te – e di cui mi sentirai molto parlare nei prossimi mesi durante il nostro appuntamento di crescita personale

Oggi però vorrei limitarmi a darti una breve definizione di che cosa si intenda per INTELLIGENZA EMOTIVA  – o QUOZIENTE EMOTIVO QE – e provare a declinarla nel mondo del lavoro

L’INTELLIGENZA EMOTIVA È QUESTO: DIRIGERSI IN MANIERA EFFICACE AGLI ALTRI ESSERE UMANI E A SÉ STESSI, CONNETTENDOSI CON LE PROPRIE EMOZIONI, RIUSCENDO A GESTIRLE, TRASCENDENDO I MERI ASPETTI COGNITIVI

L’intelligenza emotiva ha quindi molto a che fare con l’empatia e con la capacità di capire i sentimenti delle altre persone, ma anche con l’abilità di gestire le nostre emozioni

Ecco perché all’interno di un contesto lavorativo l’Intelligenza Emotiva rappresenta una qualità professionale che dovrebbe necessariamente appartenere ad ogni responsabile d’azienda, ma anche ad ogni membro di un team

Se come me nell’arco della tua vita hai lavorato come dipendente, forse ti sarà capitato di trovarti in un ambiente professionale dove l’intelligenza Emotiva era solo un’utopia

Non è un caso che la maggior parte dei responsabili e capi d’azienda creda ancora oggi che l’idea di empatizzare con i propri dipendenti sia assurda o che se non fossero stati emotivamente indifferenti non sarebbero riusciti a prendere decisioni difficili richieste dal loro lavoro, sebbene probabilmente sarebbero riusciti a comunicare in modo più umano

Ma in che cosa si traduce tutto questo?


I COSTI DI UN BASSO LIVELLO DI INTELLIGENZA EMOTIVA NELL’AMBIENTE DI LAVORO


Inevitabilmente – e forse lo avrai sperimentato direttamente anche tu – un basso livello di Intelligenza Emotiva comporta dei costi aggiuntivi che, se incontrollati, possono portare le aziende verso il fallimento

Una continua diminuzione della produttività, un aumento di scadenze non rispettate, errori e incidenti e un esodo di dipendenti verso ambienti di lavoro più congeniali sono solo alcune delle conseguenze di un basso livello di Intelligenza Emotiva nell’ambiente di lavoro

L’EFFICENZA, IN TERMINI DI COSTI, DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA È UN’IDEA RELATIVAMENTE NUOVA PER LE IMPRESE, UN CONCETTO CHE ALCUNI DIRIGENTI TROVANO PROBABILMENTE DIFFICILE DA APPLICARE

Molti infatti ritengono ancora che il proprio lavoro richieda testa, ma non cuore o confessano di temere che sentimenti di empatia o compassione per coloro con cui lavorano possano generare una situazione di conflitto rispetto agli obiettivi dell’organizzazione

Il mio pensiero è che tali atteggiamenti debbano ormai essere superati


L’EVOLUZIONE DEL RUOLO DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA NELL’AMBIENTE DI LAVORO


Una nuova realtà competitiva tiene infatti l’Intelligenza Emotiva in grande considerazione

In questi decenni le aziende hanno infatti vissuto una rivoluzione radicale, accompagnata da una corrispondente trasformazione del paesaggio emozionale

Se prima degli anni Ottanta la gerarchia aziendale era dominata da dirigenti che incarnavano il tipo di capo manipolativo –  un’epoca in cui era premiato lo stile da guerriero della giungla – negli ultimi decenni quella rigida gerarchia ha cominciato a perdere colpi sotto la doppia pressione della globalizzazione e della tecnologia dell’informazione

IL GUERRIERO DELLA GIUNGLA SIMBOLIZZA IL PASSATO DELLE AZIENDE, IL VIRTUOSO DELLE CAPACITÀ INTERPERSONALI RAPPRESENTA IL LORO FUTURO

Le ragioni di questi cambiamenti di tendenza sono almeno in parte ovvie

Immagina quali sarebbero le conseguenze per un gruppo di lavoro se uno dei suoi membri fosse incapace di evitare esplosioni di collera o non avesse sensibilità alcuna per ciò che provano le persone intorno a lui!

Ti ricorda qualcuno vero?

Purtroppo sono ancora in molti oggi i dirigenti o i responsabili a peccare di Intelligenza Emotiva, con la conseguenza che quando gli individui sono turbati o sconvolti non sono più in grado di ricordare, aspettare, imparare o prendere decisioni lucide

LO STRESS RENDE LA GENTE STUPIDA


I VANTAGGI DELL’INTELLIGENZA EMOTIVA NELL’AMBIENTE DI LAVORO


D’altro canto, sul versante positivo, immagina quali benefici comporterebbe ai fini del lavoro l’essere ben dotato di competenze emozionali

Benefici come l’essere in sintonia con i sentimenti delle persone con le quali tratti, riuscire a gestire i diverbi in modo da non farli degenerare e avere la capacità di entrare in uno stato di flusso mentre lavori

Vorrei che tu lo capissi..

LA LEADERSHIP NON È ESERCIZIO DI POTERE, MA L’ARTE DI PERSUADERE LE PERSONE A LAVORARE PER UN OBIETTIVO COMUNE

In termini di gestione della tua carriera, potrebbe non esserci poi nulla di più essenziale del saper riconoscere quali siano i tuoi sentimenti più profondi riguardo a ciò che fai e quali cambiamenti potrebbero farti sentire più soddisfatto del tuo lavoro

Alcune ragioni meno ovvie che spiegano come mai le capacità emozionali stiano assumendo una posizione di primo piano tra le doti ritenute importanti ai fini professionali riflettono poi alcuni cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro

Vorrei spiegarti questo concetto mostrandoti quali grandi differenze possa comportare un’applicazione dell’Intelligenza Emotiva alla capacità di presentare una critica in forma costruttiva

Ma questo lo vedremo insieme più avanti


Bene, oggi ti ho introdotto per la prima volta l’argomento dell’Intelligenza Emotiva che come puoi immaginare, ha infinite applicazioni

Quella che mi sta più a cuore in questo momento è proprio quella legata all’ambiente lavorativo, visto che è dove verosimilmente spendiamo la gran parte della nostra giornata

Spero che questo post sia stato per te uno spunto di riflessione, ma anche l’occasione per avvicinarti personalmente a questo tema molto affascinante oltre che di estrema utilità personale e professionale

No Comments

    Leave a Reply

    You Might Also Like