Marketing

Le leve del business: i 3 asset che devi assolutamenpossedere per avere successo

In qualunque contesto, qualsiasi risultato straordinario è frutto dell’utilizzo di leve..


Sai che cos’è una leva?


La leva è un concetto molto importante nel business, potremmo definirla come un moltiplicatore di energie, una molla che ti mette nella condizione di riuscire a fare cose che altrimenti non saresti in grado di fare


Pensa per un attimo al tempo

E a quanto sia democratico


Tutti noi abbiamo a disposizione, nell’arco di una giornata, lo stesso numero di ore, eppure sai perfettamente che c’è un’enorme differenza tra le persone in termini di risultati raggiunti, non è così?


Ci sono infatti alcune persone alle quali le giornate sembrano non bastare mai, e altre che invece, per i risultati che ottengono, pare abbiano a disposizione il doppio delle comuni ore lavorative!


Ti sei mai chiesto perché alcuni faticano a portare a termine il proprio lavoro nell’arco di una giornata, mentre altri producono così tanto che sembra che le loro giornate contino settantadue ore??


C’è una sola risposta


LE LEVE


“Le persone che sono capaci di sfruttare al meglio il loro tempo sono persone che sono state in grado di crearsi delle leve”


E nel business queste leve si chiamano ASSET


Un asset è a tutti gli effetti un moltiplicatore

Un moltiplicatore delle ore che hai a disposizione, un moltiplicatore del tuo effort e, di conseguenza, anche un moltiplicatore dei tuoi risultati

Un asset è qualcosa in grado di generare valore anche in tua assenza e di generare ritorni economici crescenti senza che ciò ti richieda un maggiore impegno, sia a livello di costi che di tempo.


“La creazione di asset sembra quindi in grado di generare una crescita esponenziale”


Per questo motivo oggi vorrei vedere insieme a te quali sono i principali asset nel mondo del business e come poter sfruttare il loro potere per rendere più redditizia la tua attività, senza che questo ti costi un maggiore dispiego di tempo o di denaro


I 3 FONDAMENTALI ASSET DEL BUSINESS


1_ Le persone

Cioè la forza lavoro.

Se hai un’attività in proprio con del personale dipendente, ti sarai accorto che gestire un grosso numero di persone non è per nulla facile!

Al contrario, richiede molta leadership e porta con sé quindi un alto e crescente grado di complessità: più persone hai da gestire, più aumenta la difficoltà di gestirle.

Ed è proprio per questo motivo che i maggiori esperti di business e di marketing ci vengono in aiuto con una massima fondamentale:

“Assumi il minimo numero di persone possibile per avere il più alto ritorno possibile. In altre parole, cerca di generare il massimo output possibile con il minimo numero necessario di persone”


2_ Il capitale finanziario


Se la difficoltà nell’utilizzo di questo asset sta proprio nella disponibilità del capitale – convincere degli investitori ad investire nella nostra attività non è sempre facile – il lato positivo è che, una volta imparato a gestire un capitale, sarete in grado di gestire più facilmente più capitali


3_ I prodotti senza costi di replicazione


Il terzo asset, quello che se vogliamo viene considerato il più importante nell’epoca postmoderna, è costituito da tutto quell’insieme di prodotti che non presentano costi di replicazione

Questa categoria di prodotti necessita di un grande effort inziale, ma, in un secondo momento, ti consente di “vivere di rendita”

Programmi, software, algoritmi, tutto ciò che lavora su un codice o che è un prodotto digitale fa parte di questa categoria. Pensa ad un video di presentazione dei tuoi servizi che, una volta realizzato, può essere mostrato a decine di migliaia di persone senza nessun costo aggiuntivo o alla messa a punto di un metodo di lavoro, di procedure che ti consentano, una volta elaborate, di ottimizzare il tuo tempo e il tuo effort

Anche la diffusione del know how aziendale a tutti i dipendenti è un ottimo asset di questo tipo: pensa di aver assunto del nuovo personale e di spendere tutte le tue energie per formarlo nel miglior modo possibile e per trasmettergli la cultura aziendale

Non è forse vero che un dipendente “formato” adeguatamente ti farà perdere meno tempo e ti permetterà di guadagnare di più?.

Pensa anche ad un canale YouTube o ad un video dei tuoi servizi su Instagram, pensa al tuo blog aziendale: una volta realizzato, che lo vedano una persona sola o migliaia di persone, il tuo costo in termini di tempo e denaro non cambierebbe di una virgola!

Quello che invece aumenterebbe sono le relazioni che creereste!


Anche i contenuti fanno parte di questa terza categoria di asset, anzi, considerata la direzione che sta prendendo il mercato, possiamo senza dubbio affermare che i contenuti siano al giorno d’oggi tra le più potenti forme di leva a tua disposizione per generare ricchezza

Perché non solo ti permettono di accrescere la brand awareness – cioè il grado di conoscenza di un marchio da parte dei consumatori e la capacità di essere ricordato e collegato ai suoi prodotti – ma ti consentono di creare relazioni di fiducia con i tuoi clienti e guadagnare “passivamente” dal tuo blog o da un info prodotto che hai realizzato


Un esempio pratico?

Pensa al tuo libro preferito o all’ultimo che hai letto


All’autore sarà costato mesi rinchiuso in casa, giornate di studio e costi di pubblicazione, ma, una volta sul mercato, venderne una copia o milioni di copie non gli richiede più nessuno sforzo aggiuntivo, né in termini di tempo né di costi!

Al contrario, il guadagno generato sarà esponenziale!


L’economia ci insegna che per avere successo devi sfruttare tutti e tre questi tipi di asset e combinarli nel modo migliore. Se hai un’attività in proprio, probabilmente sei già in possesso dei primi due asset

Il mio invito è quello di riflettere sulla terza categoria di asset, ma soprattutto sull’importanza fondamentale dei contenuti che trasmetti all’esterno e che rappresentano il tuo marchio


Se non sei in possesso di nessun asset del terzo tipo, pensa a come crearne uno e realizza qualcosa che, solamente con uno sforzo iniziale, ti farò guadagnare nel tempo

No Comments

    Leave a Reply

    You Might Also Like